Disfida del soffritto - IV edizione

I sapori del maiale, sapori, festa e riti

V edizione ad Ariano Irpino il 5-6 Marzo 2011

Quarta disfida del soffritto

 

La disfida del soffritto

Gli antichi riti della civiltà contadina, le suggestioni del vivere quotidiano in un ambiente rurale, rivivranno ad Ariano Irpino – in Valle Ufita, il prossimo 5 e 6 marzo 2011 grazie alla proposizione del rito “r’ lu puorc”. Il maiale, l'animale che per anni ha costituito il principale sostentamento alimentare familiare delle comunità contadine locali, sarà rivissuto nell'antica e coinvolgente atmosfera delle tradizioni culturali della Valle dell’Ufita tra suoni e colori del folklore ed i sapori e profumi dei prodotti tipici enogastronomici che verranno degustati.   

Alla manifestazione è legata la possibilità di poter conoscere il territorio della Valle dell’Ufita e dei Monti Dauni attraverso escursioni guidate in aziende di allevamento di suini locali e macellerie convenzionate per conoscere la lavorazione delle carni. Quasi tutte le famiglie delle valli Irpine e Daune “ crescev’n’ lu puorc”, sia i contadini, sia quelli che abitavano in paese, i quali, spesso, avevano un riparo per i maiali davanti alle proprie case. Chi poteva cercava di allevarne almeno due: uno per uso personale e uno per venderlo, così si ammortizzava la spesa.

 

Ricollegandosi quindi, a questa consolidata tradizione locale, si è sentita l’esigenza di dare più ampio respiro a questa esperienza. E’ nata così l’idea di programmare l’evento che si propone come un percorso suggestivo che rievochi e valorizzi i riti e le pratiche della vita contadina di un tempo nel suo svolgersi quotidiano. In particolare l’uccisione e la successiva lavorazione della carne di maiale e tutto ciò che ne concerne, la produzione e l’elaborazione di cibi tradizionali (i  vari lavorati della carne di maiale) e la produzione di tutti quegli utensili ed oggetti legati alle esigenze quotidiane della vita nei campi e nel focolare domestico.

Una manifestazione che nasce dall’esigenza di sostenere questi riti tradizionali che sono il fondamento di un prezioso patrimonio culturale da conservare, valorizzare e trasmettere alle generazioni future, le quali stanno assistendo, negli ultimi decenni, ad un inesorabile allontanamento dalle campagne e da tutto ciò che garantiva un’azione di presidio di tale civiltà.

 

La festa non è quindi solo e semplicemente un momento di aggregazione sociale o di festa paesana, ma vuole essere soprattutto un evento culturale, turistico, gastronomico di ampio respiro con la possibilità di gustare sul luogo varie specialità che originano dal maiale, come prosciutti, salami, coppa, capicolli, salsicce, strutto, sanguinaccio ma soprattutto “lu suffritt’”.

Un appuntamento che vuole diventare annuale e costante nel tempo dove si possa incontrare e parlare del maiale anche sotto l'aspetto culturale, agroalimentare e zootecnico. 

Vedi il programma completo...

Prenotati direttamente online...

 

I “Suoni di Terra Madre” alla Disfida.
Cantori a braccio dell’Irpinia e della Daunia.

La manifestazione della Disfida del Soffritto di Maiale, abbraccerà e sposerà i cantori a braccio dell’Irpinia e della Daunia. Coniugare piacere e cultura, difendere la tradizione, promuoverla attualizzandola, conservare storie, saperi e dimostrare quanto siano contemporanee, sono solo alcune questioni che emergeranno dalla manifestazione in programma il 5 e 6 marzo ad Ariano Irpino. I nostri cantori a braccio, sono testimoni della cultura di tradizione popolare, autentici presidi che si prefiggono di individuare, proteggere e diffondere le tradizioni orali delle Valli dell’Irpinia e della Daunia. I nostri cantori sono artisti che conservano stili, tecniche, fonti e strumenti che spesso non utilizza più nessuno. I nostri cantori sono depositari di testimonianza, memoria, storia, identità, ma anche coloro che la trasmettono, che passano il testimone alle nuove generazioni.

 

Slow Food

Slow Food difende il gusto e il piacere del mangiare sano e di un cibo che sia “Buono, Pulito e Giusto”. Bontà organolettica e valenza culturale dei prodotti, sostenibilità ecologica ed economica, giustizia sociale per le genti che producono e trasformano i nostri alimenti. Una formula da esigere e a cui tendere dopo che in cinquanta anni l’agro-industria e l’industria alimentare sono riuscite a minare profondamente i requisiti culturali, ambientali e sociali necessari a una buona pratica gastronomica. Bisogna guardare e sognare ad una rete mondiale fatta di contadini, pescatori, piccoli artigiani, cuochi e cuoche, ricercatori, studenti, giovani e consumatori di tutto il mondo che va sotto il nome di Terra Madre.

Scarica la brochure in formato pdf...

Scarica la locandina in formato pdf...